Oggi parliamo di: Quando dal cielo cadevano le stelle


Titolo del libro: Quando dal cielo cadevano le stelle

Casa Editrice: Lulu

Anno prima pubblicazione: 2014

Descriviti in 140 caratteri: Ho ventisei anni e vivo in Toscana con la mia famiglia. Amo leggere, viaggiare e sognare. La mia passione più grande è la scrittura.

5 aggettivi sul tuo libro: crudo, sognatore, speranzoso, realista, triste

La trama del tuo libro: Lia ha tredici anni. È una ragazzina italiana piena di sogni e di allegria, con l’unica colpa di essere ebrea durante la Seconda Guerra Mondiale. Dallo scoppio delle leggi razziali la sua vita cambia, e con la sua famiglia è costretta a rifugiarsi in numerosi nascondigli, a sparire dal mondo. Da quel mondo di cui vuole fare disperatamente parte. Passano gli anni, conditi da giornate piene di vicende, di primi amori, di paure e di speranze, come quella più grande, la speranza che presto la guerra finirà. Ma nessuno ha preparato Lia alla rabbia dei nazisti. Il 16 ottobre 1943, la comunità ebraica del ghetto di Roma viene rastrellata dalla Gestapo e i nazisti le ricorderanno che una ragazzina ebrea non ha il diritto di sognare, di sperare, di amare. Di vivere. Lia sarà deportata ad Auschwitz con la sua famiglia, e da quel giorno avrà inizio il suo incubo. Terrore, lavoro, malattie, camere a gas, morti. E determinazione. Quella che Lia non vuole abbandonare. Quella determinazione che vorrà usare per gridare al mondo di non dimenticare. Quella determinazione che brillerà nei suoi occhi quando il freddo sarà troppo pungente, quando la fame sarà lancinante, quando la morte sarà troppo vicina e quando sarà deportata in altri campi di concentramento.
Quella determinazione che le farà amare la vita, e che le ricorderà che anche le ragazzine ebree hanno il diritto di sognare. Perché non esistano mai più le casacche a righe, perché nessuno sia più costretto a vivere in base a un numero tatuato su un braccio o in base a una stella cucita sulla veste.
Perché dal cielo non cadano più le stelle.

Una frase del tuo libro: “La vita è meravigliosa, non smettiamo mai di amarla”. Lia Urovitz, protagonista di “Quando dal cielo cadevano le stelle”.

Quanto tempo hai impiegato a scriverlo? mesi

Convinci i tuoi potenziali lettori a comprare il tuo libro : Non dimentichiamo la Shoah, tutti gli ebrei – ma non solo – che hanno sofferto durante la Seconda Guerra Mondiale. E che cosa significava essere ebrei durante il nazismo? E perché durante la guerra le stelle cadevano dal cielo finendo sulle casacche a strisce degli internati ad Auschwitz?


Leave a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *